Sistema di sospensioni

Da WikiStreetMini4wd.

ATTENZIONE: Per comprendere a pieno questo articolo è necessario avere piena padronanza delle nozioni riguardanti l'assetto e la meccanica delle mini 4WD

Introduzione

La meccanica dei telai a motore centrale (MS e MA, da questo momento "telai PRO") permette di implementare svariate tipologie di sistemi di sospensioni. Ciascuna soluzione ha i suoi pregi e i suoi difetti, in questa sede verrà affrontato il sistema di sospensioni ad assi semi indipendenti.

Sistema di sospensioni ad assi semi indipendenti

MA ammortizzazione.png
MA-ammortizzato-Somoja.png

Il sistema di sospensioni ad assi semi indipendenti implementabile sui telai PRO si basa sulla possibilità di far muovere gli assi delle ruote anteriori e posteriori iscrivendo una circonferenza il cui centro è l'ingranaggio di rapporto corrispondente (vedi circonferenze rosse in figura). Questo movimento garantisce alle corone di mantenere sempre la stessa distanza dalle relative controcorone assicurando in qualsiasi situazione la resa massima della meccanica del telaio. E' possibile limitare il movimento degli assi a quello descritto costruendo dei bracci che rappresenteranno il raggio della circonferenza accennata: i bracci mobili (segmenti gialli in figura). Ciascun braccio mobile corrisponderà dunque alla distanza tra il centro dell'ingranaggio di rapporto e quello dell'asse a cui ciascuna ruota è agganciata.

In realtà il movimento degli assi sarà molto limitato e iscriverà solo dei piccoli archi della circonferenza. Nonostante il movimento risultante sia minimo, è possibile sfruttarlo in modo che ammortizzi gli urti su un fondo irregolare. Per ottenere un'ammortizzazione soddisfacente bisogna agganciare ai bracci mobili delle sospensioni che andranno fissate a ulteriori bracci fissi. A seconda della posizione -o meglio, del triangolo formato tra braccio mobile, sospensione e braccio fisso (segmenti gialli, fucsia e turchesi in figura)- si otterrà un certo grado di ammortizzazione che sarà influenzato anche dalla qualità della sospensione utilizzata (molle, corsa, ecc...).

Bracci mobili e passo del telaio

I bracci mobili non sono solo un organo limitante il movimento degli assi ma governano anche la distanza tra le ruote. In altri termini è possibile decidere dalla loro lunghezza il passo stesso del telaio: è possibile mantenere il passo uguale a quello originale (80mm) oppure estenderlo/ridurlo ad una misura differente. Il cambiamento del passo da lunghezza standard a custom comporterà l'utilizzo di corone in modo differente dalle usuali combinazioni per telai PRO. Ciò significa che bisognerà considerare un range di rapporti marcia che differirà da un passo all'altro. Un altro dettaglio da considerare è lo spazio che il telaio fornisce: passi da 80mm a 82mm non necessitano di un allungamento fisico del telaio (MA Plus) mentre nel caso di passi da 83mm e 84mm bisogna procedere all'allungamento.

La costruzione di bracci mobili corretti non è un'operazione semplice: anche un errore di 0.10mm tra le distanze comporterebbe problemi di meccanica che inficerebbero sulle prestazioni della macchina. Fortunatamente è possibile ottenere dei riferimenti precisi per ciascun passo si volesse implementare impiegando alcuni item Tamiya.

Riferimenti per bracci mobili

Passo da 80mm [MS/MA, passo standard]
15243 bracciomobile80mm.png
Riferimento per braccio mobile = 15243
Corona Controcorona e Contropignone Rapporto
G22 Corona22T.png
22T
G21 3e5a1 MS.png
22T 28T Pignone 6T = 4.6:1 Pignone 7T = 4:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 3.5:1
G22 Corona22T.png
22T
G23 3punto7a1 MS.png
21T 28T Pignone 6T = 4.8:1 Pignone 7T = 4.19:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 3.68:1[3.7:1]
G20 Corona24T.png
24T
G19 4a1 MS.png
20T 27T Pignone 6T = 5.4:1 Pignone 7T = 4.62:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.05:1[4:1]
♣=non è mai stato prodotto da Tamiya


Passo da 81mm [MS/MA]
15431 bracciomobile81mm.png
Riferimento per braccio mobile = 15431
Corona Controcorona e Contropignone Rapporto
G20 Corona24T.png
24T
G21 3e5a1 MS.png
22T 28T Pignone 6T = 5.09:1 Pignone 7T = 4.36:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 3.81:1 Pignone 9T = 3.39:1
G20 Corona24T.png
24T
G23 3punto7a1 MS.png
21T 28T Pignone 6T = 5.3:1 Pignone 7T = 4.57:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4:1 Pignone 9T = 3.5:1
G18 Corona26T.png
26T
G19 4a1 MS.png
20T 27T Pignone 6T = 5.85:1 Pignone 7T = 5.01:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.38:1 Pignone 9T = 3.9:1
♣=non è mai stato prodotto da Tamiya


Passo da 82mm [MS/MA]
15357 bracciomobile82mm.png
Riferimento per braccio mobile = 15357
Corona Controcorona e Contropignone Rapporto
G18 Corona26T.png
26T
G21 3e5a1 MS.png
22T 28T Pignone 6T = 5.51:1 Pignone 7T = 4.72:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.13:1 Pignone 9T = 3.67:1
G18 Corona26T.png
26T
G23 3punto7a1 MS.png
21T 28T Pignone 6T = 5.78:1 Pignone 7T = 4.95:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.33:1 Pignone 9T = 4.04:1
G11 Corona28T.png
28T
G19 4a1 MS.png
20T 27T Pignone 6T = 6.3:1 Pignone 7T = 5.4:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.72:1 Pignone 9T = 4.2:1
♣=non è mai stato prodotto da Tamiya


Passo da 83mm [MS/MA Plus]
? Riferimento per braccio mobile = ?
Corona Controcorona e Contropignone Rapporto
G11 Corona28T.png
28T
G21 3e5a1 MS.png
22T 28T Pignone 7T = 5.09:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.45:1 Pignone 9T = 3.95:1
G11 Corona28T.png
28T
G23 3punto7a1 MS.png
21T 28T Pignone 7T = 5.3:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.67:1 Pignone 9T = 4.13:1
G6 Corona30T.png
30T
G19 4a1 MS.png
20T 27T Pignone 7T = 5.7:1
Pignone8t.png
Pignone 8T = 5.06:1 Pignone 9T = 4.5:1
♣=non è mai stato prodotto da Tamiya


Passo da 84mm [MS/MA Plus]
15452 bracciomobile84mm.png
Riferimento per braccio mobile = 15452
Corona Controcorona e Contropignone Rapporto
G6 Corona30T.png
30T
G21 3e5a1 MS.png
22T 28T
Pignone8t.png
Pignone 8T = 4.77:1 Pignone 9T = 4.22:1
Pignone10T.png
Pignone 10T = 3.81:1
G6 Corona30T.png
30T
G23 3punto7a1 MS.png
21T 28T
Pignone8t.png
Pignone 8T = 5:1 Pignone 9T = 4.41:1
Pignone10T.png
Pignone 10T = 4:1
♣=non è mai stato prodotto da Tamiya

Come fissare i bracci mobili al telaio MA

MA ammortizzazione aggancioBracciMobili.png

Uno degli step cruciali per ammortizzare un telaio MA è il fissaggio dei bracci mobili al telaio. Questi punti (cerchi verdi in figura) corrisponderanno al centro degli ingranaggi di rapporto. Per calcolare i punti precisi è necessario possedere un calibro elettronico. Attraverso il calibro elettronico bisognerà misurare il segmento rosso in figura, più precisamente la distanza misurata sarà pari a 3mm all'anteriore e 3.5mm al posteriore. Dopo aver segnato i punti in figura bisognerà fare dei fori di 2mm da entrambi i lati del telaio. Per essere sicuri che la distanza dei buchi sia quella corretta basterà fare passare attraverso i due buchi un albero da 2mm in modo che diventi momentaneamente l'asse su cui viene fissato di solito l'ingranaggio di rapporto. Dopo i buchi e il passaggio dei relativi alberi da 2mm la meccanica originale del MA non deve risultare alterata. Se questo test è andato a buon fine significa che sono sono stati fatti dei buchi sufficientemente precisi sui quali andranno poi fissati i bracci mobili.

Dima per foratura telaio

Sospensioni-DIMA-Esempio.jpg

Riportiamo una Dima (maschera) per la foratura del telaio, con interessi vari per costruire i bracci mobili senza l'ausilio di item Tamiya.

Gli interassi da 6 e 23 servono nel caso si volesse fissare sull'esterno del telaio la fibra 15193. 58 e 80 sono rispettivamente il fulcro dei bracci mobili e il passo del telaio. 11, 11.5, 12, 12.5 e 13 sono gli interassi ber i braccetti mobili. 11.2, 11.7, 12.2, 12.7 e 13.2 servono anch'essi per i braccetti, ma aggiungono un gioco supplementare tra gli ingranaggi di due decimi.

Sospensioni-DIMA-schema.jpg


I bracci fissi e gli ammortizzatori

Per quanto riguarda i bracci fissi bisogna fare una premessa. La posizione del braccio fisso è a discrezione dell'implementazione che si vorrà realizzare dunque ciò che verrà descritto in questo paragrafo è solo uno degli innumerevoli modi per creare uno dei cateti del triangolo alla base di questo tipo di ammortizzazione. E' possibile bloccare i bracci fissi in corrispondenza del punto di rotazione dei bracci mobili (come è possibile visionare dalle immagini).

L'ultimo cateto mancante è rappresentato dall'ammortizzatore. Anche in questo caso sono innumerevoli le alternative: è possibile autocostruire degli ammortizzatori utilizzando ad esempio degli item tamiya oppure è possibile impiegare degli ammortizzatori già pronti come quelli per le mini-Z. In questa guida è stato scelto di utilizzare gli ammortizzatori delle mini-Z (ad esempio AMR003, AMZ001-GS, AWD213-OS, AMR-OP021-GSS, AMR-OP021-L). Bisogna riferirsi in fase di realizzazione alle immagini incluse in questa guida. Gli angoli formati tra braccio fisso, ammortizzatore e braccio mobile sono a discrezione dell'implementazione del sistema.

Bisogna tenere a mente un concetto essenziale: nonostante il sistema base di sospensioni semi indipendenti sia funzionante già in questa fase sarà comunque necessario limitare la sua azione. Bisognerà creare dei blocchi per fissare la rotazione dei bracci fissi che porterebbe l'asse delle ruote più in basso rispetto alla sua posizione standard. Infine bisognerà limitare con un altro blocco la rotazione verso l'alto del braccio mobile: nonostante l'ammortizzatore montato dovrebbe effettuare questo blocco è possibile che la forza dell'urto sia eccessiva e mandare in pezzi l'ammortizzatore. Per questo motivo si suggerisce di aggiungere un blocco di sicurezza che fermi la rotazione verso l'alto del braccio mobile permettendo al massimo l'escursione minima dell'ammortizzatore.